BONUS MOBILI 2017

bonus-mobili-2017

POSSO USUFRUIRE DEL BONUS MOBILI ANCHE PER L’ANNO 2017?

Si, puoi usufruire del bonus mobili fino al 31 dicembre 2017 e sarà possibile – per i contribuenti che abbiano sostenuto la detrazione fiscale per ristrutturazione edilizia – applicare la detrazione per il “bonus mobili” nella misura massima di € 10.000 (diecimila euro) da ripartire in dieci quote annuali.

PER QUALI PRODOTTI POSSO APPLICARE IL BONUS?

E’ possibile applicare il bonus mobili 2017  per l’acquisto dei seguenti tipi di prodotti:

– mobili nuovi: cucine, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi ed apparecchi di illuminazione;

– elettrodomestici nuovi:  elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ come frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento. Classe energetica non inferiore alla A, invece, solo per i forni.


POSSO INCLUDERE ALTRI COMPLEMENTI DI ARREDO?

Sono esclusi dal bonus:

– l’acquisto di porte, di pavimentazioni (ad es.  parquet), di tende e tendaggi o di altri complementi di arredo.

Sarà possibile portare in detrazione, invece, le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

IN QUALE MISURA POSSO USUFRUIRE DELLE AGEVOLAZIONI?

Indipendentemente dall’importo totale delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% andrà calcolata su un importo massimo di € 10.000 (diecimila euro), riferito alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici cosi come precedentemente spiegato sopra.

Per informazioni più dettagliate si rimanda alla Circolare n. 29/E/2013 dell’Agenzia delle Entrate.

 

2 pensieri su “BONUS MOBILI 2017

  1. Salve, la mia residenza attuale é diversa dall’immobile che ho acquistato e sto ristrutturando, nell’ intestazione delle fatture di acquisto dei mobili che indirizzo devo riportare, quello di residenza o quello dell’immobile oggetto di ristrutturazione?
    All’Ikea mi hanno fatto mettere quello di residenza, dicendomi di allegare poi il documento di trasporto in cui era indicata la consegna nell’immobile ristrutturato, può andare bene o devo far correggere la fattura?

    Liked by 1 persona

    • Salve Roberto,
      in genere consigliamo di riportare, nell’ intestazione della fattura, l’indirizzo dell’immobile oggetto di ristrutturazione anche se diverso da quello di residenza,
      ma se volesse avere maggiori informazioni la inVitiamo a venirci a trovare presso il nostro negozio.
      RingraziandoLa e scusandoci per il ritardo nella risposta La salutiamo cordialmente.
      Officina d’Interni Lanciano

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...